Il Piemonte: meta d'eccezione per il 2019!Scopri di più

Territorio del Monferrato

Il Monferrato, isola preistorica nel mare padano, terra di Elvio Pertinace imperatore romano: «Dalla cima dei tuoi colli lo sguardo vola lontano». Prima longobarda Neustria poi marca Franca, terra ostica, barbara e dura mai soggiogata a Roma, trova la sua identità come «suol di Aleramo» personaggio leggendario che spronato dall'amore di Alasia, figlia dell'imperatore Federico Barbarossa, ne traccio i confini in una lunga cavalcata durata tre giorni. Anche dai Savoia definita  «terra ribelle e indoma»!

In epoca preromanica abitato da tribù Celto liguri,poi invaso dai romani,i goti e Longobardi,divenuta poi Franca e suddivisa in "marchiones" e "comites"( marchesati e contee).
Intorno all'anno mille vennero costruiti i primi castelli e chiese che rendono ancor oggi il Monferrato una delle zone più ricche di fortificazioni e pievi.
Governato prima dagli Aleramici poi dai Paleologi ed infine dai Gonzaga che furono gli ultimi marchesi ad arrendersi ai Savoia avviati a unire l'Italia.
La sua prima capitale fu Moncalvo,solo verso il 14 secolo Casale di S.Evasio divenne Casale Monferrato assumendo il ruolo di capitale e fortificata.
Delle antiche fortificazioni casalesi rimangono il castello e la cittadella,degno di nota anche il Duomo in cui spicca lo stupendo nartece costruito con il duro sasso di Rosignano.
Sarebbero molte le storie e gli aneddoti da raccontare su queste stupende colline piemontesi,dalle gesta eroiche dei suoi marchesi alle crociate alle scorribande saracene e i loro tesori,dagli infernot alla maga Alcina,dai suoi gustosi tartufi ai suoi prelibati vini.
Sul suo toponimo molto si é favoleggiato,dalla leggenda di Aleramo ai montis Ferrati(Monti fortificati) ma la tesi più accreditata é che il toponimo derivi dell'effettivo "farratus",fertile fecondo,colli fertili ricchi di foraggio.
Il suo territorio,quasi in totalità collinare,si divide in alto e basso Monferrato.
Il basso o settentrionale Monferrato comprende le colline disposte tra Gassino e Valenza,Casale e Nizza.
Il basso o meridionale Monferrato le colline astigiane e ovadesi.
Sono degni di nota i vini prodotti su queste colline come lo sono le sue specialità culinarie e i suoi tartufi della valle Ghenza.
Molto caratteristica é la zona del Monferrato casalese con le sue case costruite in "pietra da cantone", tecnica acquisita dai romani e tramandata fino alla chiusura delle cave di marna(pietra da cantone).
Il suo particolare microclima la rende ornata da specie botaniche tipiche della costa mediterranea come palme e ulivi la cui coltivazione,nel passato e ora in piccole quantità, dava un'ottimo olio autoctono.regalando ai visitatori scorci e panorami molto simili alla Provenza.
In sostanza,le colline del Monferrato,isole che nei giorni in cui il bianco e nebbioso mare padano avanza,emergono regalando a chi osserva lo spettacolo, il preistorico panorama!